Bonafede conferma: “La mediazione sarà alternativa alla negoziazione assistita”

18,266 Visite totali, 20 visite odierne

Catania, 4 ott 2018 – Il ministro della giustizia Alfonso Bonafede, dal palco di Catania dove è in corso il Congresso Nazionale Forense, ha confermato la linea del Governo in materia di riforma degli strumenti alternativi al processo giudiziario. In particolare il ministro si è soffermato sull’istituto della mediazione civile confermando che la riforma prevederà, in alcune materie, la possibilità di scelta per l’avvocato di quale strumento adr utilizzare prima di avviare una causa giudiziaria. In alcuni settori ci sarà quindi piena alternatività tra mediazione civile e negoziazione assistita.

Il ministro ha spiegato che la mediazione civile, in alcune delle materie obbligatorie, provoca frustrazione nel cittadino che la avvia in quanto l’invito alla mediazione di parte istante non trova frequente adesione da parte invitata. Meglio quindi, per il ministro, in questi casi lasciare decidere all’avvocato quale strumento adr sia più adatto in base al tipo di controversia che gli si presenti dinanzi.

L’annuncio, se da una parte affida all’avvocato il potere di scelta di quali strumenti attivare per gestire al meglio la controversia, dall’altra è destinata a suscitare polemica, visti gli anni di investimento pubblico e privato nello stabilizzare e far crescere il ricorso al procedimento di mediazione civile. La professione di mediatore civile in Italia è esercitata peraltro da un altissimo numero di stessi avvocati.

Il ministro ha comunque specificato che la mediazione non verrà toccata nelle materie obbligatorie in cui le statistiche dimostrano una sua buona efficacia e che la previsione di renderla alternativa in alcuni settori con la negoziazione assistita servirà anche per potenziare quest’ultimo istituto, anch’esso non privo di critiche e miglioramenti da effettuare. Per Bonafede, ad esempio, la negoziazione assistita non è efficace nel settore dell’infortunistica stradale così come non lo è la mediazione nelle controversie bancarie e assicurative.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*